Spazio agli Autori con Google

Google Authorship è il veicolo che Google ha pensato per collegare i contenuti ai loro creatori e sta diventando un elemento sempre più presente nell’indicizzazione dei risultati sul motore di ricerca.

Che cosa significa?

Google ha recentemente creato una variabile, da inserire nel codice html di ogni sito, per identificare il creatore o appunto l’autore di un testo. La sola presenza di questa variabile aiuta l’indicizzazione di quel sito, perché per Google rappresenta la possibilità di identificare l’autore come un soggetto partecipante ad attività di social networking e quindi di accreditare i suoi contenuti in un ambito di competenza.

Vediamo assieme come.

Se volessimo per esempio creare alcuni post su blog specialistici oppure articoli relativi ad attività in una determinata area geografica (giocare a golf a Roma, giocare a tennis a Roma), connettendo la propria identità Google (profilo Google+), l’autore di quella pagina apparirà sui risultati di Google ogni volta che il contenuto creato viene indicizzato.

Se l’autore è un fornitore di servizi, questo significa che Google assocerà automaticamente l’attività da praticare con il fornitore di servizi, sia su Google+ che sul motore di ricerca. E se è vero che la presenza della variabile aiuta l’indicizzazione, il vantaggio per i fornitori di servizi è evidente.

Logicamente, questo significa che Google promuove nemmeno così implicitamente la creazione di account Google+ brandizzati per misurare l’influenza del brand sui social media e per verificare quanto questo sia in controllo della propria reputazione online; questo significa che chi non ha ancora optato per attività social deve cominciare a farlo attivamente, dedicando parte della propria attività web giornaliera alla creazione accreditata di post e articoli.

Share This

Share to Google Buzz
Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld